Il rappresentante degli Stati Uniti presso l’OSCE: l’ex Ministro albanese sostiene i trafficanti di droga

“La corruzione e la criminalità continuano ad essere un ostacolo allo sviluppo dell’Albania. Un ex Ministro degli Interni, che ora è un membro del Parlamento, è accusato di aver dato sostegno ai trafficanti di droga”, ha dichiarato oggi al Consiglio Permanente dell’OSCE a Vienna, Harry Kamian, il rappresentante degli Stati Uniti presso l’OSCE.

La relazione del rappresentante degli Stati Uniti è stata una risposta alla relazione dell’Ambasciatore dell’OSCE in Albania, Bernd Borchardt.

Oltre al coinvolgimento dell’ex Ministro Tahiri nella vicenda Habilaj, Kamian ha citato altri problemi interni, in particolare durante le elezioni del 25 giugno:

“ODHIR ha riferito che l’Albania non è riuscita a soddisfare molte delle raccomandazioni dell’ODIHR e della Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa a partire dal 2013 e fino al 2015, tra cui la necessità di depoliticizzare gli aspetti chiave della gestione delle elezioni”.

A conclusione del suo discorso, Kamian ha lodato il lavoro dell’OSCE in Albania, poiché ha offerto una maggiore cooperazione tra le istituzioni internazionali come uno dei mezzi per combattere la criminalità e l’illegalità in Albania.