Nga Vincent W.J. van Gerven Oei
La riforma della pubblica amministrazione non è riuscita

Nel mese di luglio, l’ex Ministro per l’innovazione e la Pubblica Amministrazione Milena Harito aveva annunciato che la pubblica amministrazione non ha funzionato correttamente e che sarebbero state introdotte varie riforme dal Governo Rama 2.

Questo tentativo di “rivitalizzazione” ha assunto la forma attuale di capricciosi licenziamenti, di umiliazione pubblica di funzionari, di illegali forme di vetting e di istituzione di un sito web che viene promosso dai membri del Partito Socialista come un “filo diretto” al Governo, completamente al di fuori della competenza della legge.

Riformare e migliorare il sistema della pubblica amministrazione è da tempo all’ordine del giorno dei vari governi che si sono susseguiti a partire dai primi anni del 2000, ed è anche diventata una delle cinque priorità chiave nel processo verso l’apertura dei negoziati di adesione all’UE. Il sistema di informazioni HRMIS è stato terminato nel 2011 con i fondi comunitari attraverso lo strumento di preadesione (IPA) e testato nel 2012. L’HRMIS si suppone che contiene i fascicoli personali di tutti i dipendenti pubblici, compresi i dati sulle assunzioni, sull’istruzione, sui corsi di formazione, sullo stipendio e sulle assicurazioni.

Nel 2014 il Governo Rama 1 ha firmato un contratto di € 246.000 per attivare i moduli HRMIS ed estendere il sistema a tutte le istituzioni statali. Tuttavia, due anni dopo, il sistema contiene solo il 55% dei dati necessari e ancora non è stato esteso a tutte le istituzioni statali. Inoltre, secondo il VKM 117 del 5 marzo 2014, HRMIS doveva interagire e essere compatibile con i sistemi del Registro Civile, dell’Istituzione delle assicurazioni sulla salute, del Tesoro e della Direzione Fiscale. Finora, solo il Registro Civile è stato collegato.

La conclusione della verifica del KLSh è devastante:

“L’efficacia e l’efficienza di questo sistema non è stata compiuta e non è ancora noto se può essere realizzata”.

Questa conclusione della KLSh avrebbe dovuto condurre al licenziamento immediato del Direttore del DAP Albana Koçiu, che, tuttavia, è ancora saldamente al suo posto.

E tutto questo mentre non si sa effettivamente quanti dipendenti pubblici lavorano nel Governo, quanti soldi hanno ricevuto dalla UE e dagli Stati Uniti per i corsi di formazione e se sono attualmente assicurati.