Gli studenti albanesi a Torino “sacrificano” il libro “Sacrificio” di Rama.

Mentre in Albania e’ venuto alla luce un altro scandalo, con un altro Ministro dell’Interno, ma ancora una volta legato al traffico di droga anche con l’Italia, il Premier Rama ha scelto di presentare a Torino la traduzione in italiano del suo libro “Sacrificio” (Kurbani), un libro senza nessun valore, ma che il Premier ha presentato a Istanbul, a Belgrado, ed ora a Torino.

Ma la cerimonia di presentazione a Torino, organizzata da un sostenitore del Partito Socialista in Italia, è uscita fuori controllo non dando al Premier la possibilità di assumere con calma la posizione del filosofo, dell’artista e del politico “speciale”, perché un gruppo di studenti albanesi a Torino lo hanno messo di fronte alla realtà del suo governo.

Gli studenti hanno fatto irruzione nella sala dove si presentava il libro tenendo in mano banner con le foto degli incontri dell’ex ministro Tahiri e del Ministro Xhafaj con, rispettivamente, il Ministro degli Esteri e il Ministro dell’Interno Italiano, con scritte che indicano i correlati collegamenti con il traffico di droga di Tahiri e Xhafaj.

In uno dei banner che teneva in mano uno dei studenti era scritto: “Edi Rama: Intellettuale in europa, dittatore in Albania”.

Il Premier Rama presente in sala ha cercato di superare la situazione definendo gli studenti come avversari politici.